Alternanza Scuola-Lavoro

Alternanza Scuola-Lavoro

Il progetto di alternanza scuola-lavoro nasce con la legge 107 del 2015 della riforma della Buona Scuola e diventa obbligatorio sia negli istituti tecnici che nei licei di tutta Italia. Con questo progetto viene introdotto un metodo didattico e di apprendimento universale in linea con le esigenze del mondo esterno, che chiama in causa non solo i ragazzi ma anche gli adulti nel loro ruolo di tutor interni (docenti) ed esterni (referenti della realtà ospitante). Lo scopo di questa esperienza è quello di far diventare la scuola la più efficace politica strutturale a favore della crescita e della formazione di nuove competenze, contro la disoccupazione nel mondo lavorativo odierno.

Gli enti che possono rendersi disponibili ad ospitare gli studenti non sono solo aziende o imprese, ma anche associazioni sportive e di volontariato, enti culturali, istituzioni ed ordini professionali che possono aiutare i ragazzi stessi a coltivare ed a scoprire le proprie attitudini e passioni.

Il progetto di alternanza scuola-lavoro offre agli studenti l’opportunità di inserirsi, in periodi determinati con la struttura ospitante, in contesti lavorativi adatti a stimolare la propria creatività. Aiuta gli individui ad acquisire consapevolezza del contesto in cui lavorano ed a poter cogliere le opportunità che si presentano.
Questo percorso si articola in lezioni teoriche svolte in classe o in azienda ed in lezioni pratiche svolte all’interno del contesto lavorativo per un totale di 400 ore negli istituti tecnici e professionali e di 200 ore nei licei nel corso degli ultimi tre anni scolastici che costituiscono l’ultimo triennio.

Rispetto al tirocinio o allo stage, l’alternanza scuola lavoro è un percorso più strutturato e sistematico dotato di obbligatorietà, forte impegno organizzativo ed una capacità di mettere in atto le conoscenze acquisite durante gli anni di studio.

Aggiungi Commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *